Acquistare casa senza busta paga: è possibile?

E’ possibile oggi comprare casa senza busta paga?

Uno degli scogli principali quando si decide di acquistare la propria casa è senz’ombra di dubbio legato al reperire il capitale necessario.

Infatti a meno di non disporre dei fondi necessari all’acquisto, durante la ricerca di un’abitazione si dovrà fare i conti con l’accesso al credito tramite una banca.

Quest’ultime, soprattutto dopo la crisi del 2008 e del 2010, sono diventate estremamente prudenti circa l’erogazione di finanziamenti e mutui; infatti spesso e volentieri per ottenere una risposta positiva alla propria richiesta di credito si contattano diverse banche, ciascuna delle quali ha propri prodotti e propri tassi d’interesse, ma soprattutto proprie politiche di concessione dei mutui.

Difficilmente però si può essere presi in considerazione se non si dimostra di avere un’attività lavorativa stabile.

Quindi è possibile acquistare casa senza busta paga?

A questo proposito dobbiamo distinguere però due categorie di lavoratori: i dipendenti e gli autonomi.

I primi, non necessitano di particolari anzianità lavorative per poter accendere un mutuo; la richiesta principale è che il contratto con la propria azienda sia a tempo indeterminato.

In realtà alcune banche valutano anche contratti a scadenza, ma applicando tassi d’interesse particolarmente elevati e dimostrando un’elevata lungaggine nella concessione della pratica, senza garantire comunque un esito positivo.

Per i lavoratori autonomi invece la questione è un po’ più complessa in quanto la propria attività deve avere un’anzianità di almeno due dichiarazioni dei redditi; va da se che queste debbano essere profittevoli e non ci devono essere state perdite.

Anche se questa condizione viene soddisfatta, sempre più spesso l’istituto di credito richiede l’inserimento nel mutuo di una figura a garante del credito, che possa essere un genitore o un parente stretto.

Purtroppo quindi acquistare casa senza una busta paga, o più in generale senza un lavoro, è un’operazione altamente improbabile, sempre che non si disponga delle somme necessarie a coprire interamente l’acquisto e le spese accessorie quali costi notarili, tasse ed eventuali compensi per la mediazione di agenzie immobiliari.

Il consiglio in questi casi è comunque quello di affidarsi ad un professionista che possa verificare con voi se le possibilità di accedere ad un mutuo bancario prima ancora di iniziare a visionare immobili o di dedicare settimane alla ricerca di una casa che vi piaccia per poi scoprire che non potreste acquistarla.

Vuoi acquistare casa a Treviglio?

Richiedi maggiori informazioni!